L’azienda agricola Gandolfo Filippone sorge a mille metri di altitudine,
nell’ambiente incontaminato del Parco delle Madonie,
nel cuore della Sicilia.

Il clima di alta montagna, la purezza dell’aria, la qualità dei terreni e dell’acqua rendono questo territorio il luogo ideale per la coltivazione di prodotti-simbolo dell’agricoltura d’eccellenza in Sicilia, quali l’origano e il finocchietto.

Trasmessa da padre in figlio, la passione per l’agricoltura ha portato a dar vita ad una azienda innovativa, che pone al centro della propria produzione la riscoperta delle piante aromatiche più caratteristiche del Mediterraneo quali l’alloro, la salvia, il rosmarino, il timo, il finocchietto, la lavanda e, in particolare, l’origano.

Quest’ultimo cresce ancora spontaneo nel territorio delle Madonie, racchiudendo, nel suo intenso aroma, l’essenza stessa della Sicilia più autentica. Autentica come l’azienda Agricola Gandolfo Filippone che riafferma, ogni giorno, il valore di metodi di coltivazione rispettosi dell’ambiente e in sintonia con le radici della vera tradizione rurale.

Ed è proprio grazie a ciò che i nostri prodotti possiedono la certificazione di agricoltura biologica e sono tutelati dal marchio «panierenatura» del Parco delle Madonie.

Banner imageBanner image
Banner imageBanner image
Banner imageBanner image
Banner imageBanner image

Il ciclo produttivo delle piante aromatiche dell’azienda agricola Filippone segue il protocollo specifico delle aziende certificate come agricoltura biologica.

Nello specifico il processo è effettuato secondo metodi tradizionali: dal trapianto alla scerbatura dalle erbe infestanti, dalla raccolta al confezionamento.

Inoltre, per non sfruttare eccessivamente le sostanze organiche, si effettua la rotazione dei terreni e vengono utilizzate solo sostanze naturali, con esclusione assoluta di sostanze di sintesi chimica.

News & Eventi

Leggi tutte le News e scopri i prossimi Eventi

Contattaci

Felici di darti risposte
oppure

Scrivici

Utilizza il seguente modulo per inviarci una email

*

*

*

*